Features of ricotta romana, served at ZeroSei restaurant in Malta
La ricotta romana
November 19, 2017
How herbs and spices are used at Zero Sei, roman trattoria in Valletta
Gli aromi nella cucina romana
November 19, 2017

La cucina romana, come abbiamo già detto, è una cucina popolare, basata su ingredienti semplici; si tratta, quindi, di una tradizione in cui le verdure hanno un ruolo fondamentale.

 

Il carciofo, la cicoria, le puntarelle, i broccoli romani e la misticanza sono facilmente reperibili nelle campagne che circondano Roma e si sono ricavate un posto tutt’altro che secondario nel vasto ricettario locale.

 

Il carciofo romanesco del Lazio

 

Il carciofo romanesco del Lazio, chiamato anche “mammola” o “cimarolo” è stato riconosciuto nel 2002 dall’Unione Europea come un prodotto IGP – Indicazione Geografica Protetta – ed è diffuso in tutto il territorio regionale.

 

Il carciofo veniva coltivato in queste aree già dal tempo degli etruschi e da sempre gli sono state attribuite proprietà curative. Questa verdura è ricca di sali minerali, fibre e vitamine ed è consigliato dai medici per i suoi effetti diuretici e disintossicanti.

 

Per quanto riguarda la cucina romana, troviamo svariate ricette che hanno come protagonista il carciofo: tra i piatti più famosi possiamo citare i famosi carciofi alla romana, alla Giudia e alla matticella, la frittata di carciofi e la coratella d’abbacchio con i carciofi.

 

Il broccolo romanesco

 

Il broccolo romanesco è una tipologia di cavolo broccolo, diffuso in tutta la campagna romana da tempi molto antichi. Questa varietà di broccolo assomiglia ad un cavolfiore, è verde ed è composto da svariate rosette disposte a spirale.

 

Si tratta di una verdura dal sapore delicato, ricca di antiossidanti, calcio, potassio e vitamina C.

 

Tra le ricette più diffuse troviamo la pasta con il broccolo romanesco, la minestra di broccoli con l’Arzilla, il fritto di broccoli in pastella e il broccolo romanesco cotto a crudo..

 

Le puntarelle

 

Le puntarelle sono un famosissimo ingrediente della cucina romana; si tratta di germogli di una pianta appartenente alla famiglia della cicoria asparago. La regione Lazio ha inserito le puntarelle nell’elenco PAT – Prodotti Agroalimentari Tradizionali italiani – con la denominazione di cicoria di catalogna frastagliata.

 

Questo ortaggio è ricco di fosforo, calcio e vitamina A ed è capace di stimolare le funzioni digestive e diuretiche.

 

Per Quanto riguarda il loro uso in cucina, basta citare la nota insalata di puntarelle alla romana, un piatto fresco e saporito.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close