Lazio cuisine and its recipes cooked at Zero Sei, restaurant in Valletta
La cucina laziale
November 19, 2017
The art of eating well as a philosophy for Zero Sei trattoria in Valletta
Mangiare all’italiana. L’importanza del cibo nel Belpaese
November 19, 2017

La cucina veneta è una cucina semplice che si basa perlopiù su riso e polenta. Si distinguono in Veneto tre fasce territoriali: costiera, pianeggiante e montana; la prima è legata principalmente ai prodotti ittici, la seconda ai prodotti agricoli e l’ultima ai prodotti della pastorizia. Tra i piatti regionali più famosi possiamo citare il baccalà, le sarde in saor, i bigoli (un tipo di pasta), il risotto al radicchio di treviso e ovviamente la polenta, contorno immancabile per quasi tutte le pietanze.

 

Le sarde in saor

 

Vi proponiamo qui la ricetta delle sarde in saor, tipico antipasto della laguna veneziana tanto amato dai veneziani da essere stato citato anche da Carlo Goldoni.

Data la lunga tradizione di questo piatto (si hanno testimonianze già dal 1300), ci sono molte varianti per quanto riguarda la proporzione tra gli ingredienti; la ricetta che vi proponiamo di seguito viene considerata la più tradizionale. Le dosi sono calcolate per quattro persone.

Ingredienti

  • 700 gr di sarde fresche
  • 1,4 kg di cipolle bianche (il peso delle cipolle è sempre il doppio di quello delle sarde)
  • farina
  • olio di semi q.b.
  • olio d’oliva q.b.
  • ½ bicchiere di aceto bianco
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • sale e pepe q.b.
  • uva sultanina q.b.

Preparazione

Per le sarde:

  • Pulite le sarde e levate loro la testa; poi lavatele bene.
  • Friggetele in olio bollente per un paio di minuti, poi asciugatele con della carta assorbente.

Per il saor:

  • Tagliate le cipolle a fettine e soffriggetele in una padella con i bordi alti. Fatele dorare per una ventina di minuti sfumandole con l’aceto e poi togliete dal fuoco.

 

  • Prendete ora una teglia ed iniziate ad alternare uno strato di sarde con uno di cipolle in aceto (saor).
  • Fate marinare il tutto per un giorno e poi servitele fredde.

 

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close