Emilia Romagna cuisine and influence at Zero Sei, restaurant in Valletta
La cucina dell’Emilia Romagna
November 19, 2017
Calabria cuisine and the italian tradition of food in Zero Sei. restaurant in valletta

Image related to the post about calabrian cuisine, in news section of Zero Sei, the most typical roman trattoria in Malta

La cucina calabrese è una cucina contadina povera, con piatti tipici legati per lo più alle feste religiose. Questa cucina è caratterizzata da sapori forti e decisi, in cui il peperoncino e la cipolla rossa di Tropea hanno un ruolo importante; ovviamente, non possiamo non citare la ‘nduja quando si parla di piccante!

La Calabria offre piatti di mare, a base di pesce spada, alici e frutti di mare, così come piatti di carne, come il maiale, la capra o il ghiro.

 

Pesce spada alla ghiotta

 

Il pesce spada alla ghiotta è un piatto molto conosciuto non solo in Calabria, tanto che è più comunemente chiamato “pesce spada alla calabrese”. Il pesce viene cucinato con salsa di pomodoro, cipolle, olive e capperi ed il risultato è davvero ottimo.

La ricetta che vi proponiamo qui è per 4 persone.

Ingredienti

  • 500 gr di pesce spada in tranci (dello spessore di poco meno di 1 cm)
  • olive nere o verdi
  • capperi sotto sale
  • 10 pomodorini
  • ½ cipolla
  • olio extra vergine d’oliva
  • prezzemolo

Preparazione

  • Tritate la cipolla e versatela in una padella con dell’olio extravergine di oliva.
  • lasciatela rosolare giusto un minuto ed aggiungete i pomodorini tagliati a metà ed i capperi.
  • Lasciate cucinare i pomodorini un paio di minuti, girandoli in modo che si cucinino su entrambi i lati.
  • Aggiungete ora il pesce spada e le olive e fate rosolare per circa un minuto.
  • aggiustate di sale e pepe e coprite la padella con un coperchio, facendo cuocere per un paio di minuti.
  • Girate il pesce spada e fatelo cuocere per altri 2 o 3 minuti (basta poco per cucinare il pesce spada, se lo lasciate troppo rischia di diventare secco).
  • impiattate il pesce spada con il sugo e cospargetelo con un po’ di prezzemolo fresco.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close