How carbonara is made in Zero Sei, roman trattoria in Malta
La carbonara
November 19, 2017
Everything about pecorino romano, served in Zero Sei restaurant in Valletta
Il pecorino romano
November 19, 2017
Real amatriciana prepared in Zero Sei roman restaurant in Malta

Image for the article about Amatriciana related to Zero Sei the only trattoria romana in Malta

L’amatriciana (in romanesco matriciana) è uno dei più famosi ed amati condimenti per la pasta, preparata con il guanciale, il pecorino e il pomodoro.

 

La storia

 

Ma come nasce l’amatriciana? Sembra che nasca ad Amatrice e derivi dalla pasta alla gricia (o griscia), termine derivante dal paesino di Grisciano, vicino proprio ad Amatrice.

La pasta alla gricia è, in sostanza, una pasta condita con pecorino, guanciale e pepe; in pratica un’amatriciana senza pomodoro.

 

Quando, verso la fine del XIX secolo, viene inventata la passata al pomodoro, ecco che questo nuovo ingrediente viene aggiunto alla pasta alla gricia e nasce l’Amatriciana.

 

Tra il XIX e XX secolo la popolarità dell’amatriciana a Roma crebbe notevolmente, per via dei continui e stretti contatti tra Roma ed Amatrice. All’epoca, infatti, parecchi osti e trattori in città erano originari di Amatrice, tanto che il termine “matriciano” indicava una locanda con cucina. L’amatriciana venne così ben accolta dai romani che, anche se nata altrove, fu ben presto considerata un classico della cucina romana.

 

La ricetta

 

Per prima cosa, sfatiamo qualche mito: la vera pasta all’amatriciana viene preparata SENZA cipolla, aglio e pancetta.

La ricetta che qui vi proponiamo è per quattro persone.

Ingredienti:

  • 400 gr di spaghetti
  • 250 gr di guanciale
  • 500 gr di pomodori freschi maturi; in alternativa, va bene anche un barattolo di pomodori pelati.
  • 150 gr di pecorino (quello di Amatrice è più delicato, se preferite un sapore più forte usate il pecorino romano)
  • un cucchiaio di strutto o in alternativa olio d’oliva
  • un peperoncino rosso non troppo piccante
  • un pugno di sale grosso per la salatura dell’acqua per la pasta

Procedimento

  • Tagliate il guanciale a striscioline lunghe e dello stesso spessore
  • Scottate i pomodori in acqua bollente e poi pelateli, togliendo la parte centrale con i semi; poneteli poi in una ciotola assieme al loro sugo.
  • Grattugiate il pecorino
  • Versate un cucchiaio di strutto, o di olio, nella padella e scaldatelo a fuoco vivo.
  • Versate nella padella il peperoncino intero e il guanciale, mescolando il tutto.
  • Abbassate la fiamma e fate rosolare il guanciale fino a farlo dorare.
  • Versate a questo punto i pomodori già preparati e fate cuocere per circa una decina di minuti, mescolando di tanto in tanto.
  • A cottura ultimata, quando il sugo ha raggiunto la giusta densità, togliete il peperoncino.
  • Scolate gli spaghetti messi a cucinare in precedenza e versateli nella padella facendoli saltare e aggiungendo il pecorino un po’ alla volta.
  • Versate gli spaghetti in un piatto, aggiungete un pizzico di pecorino e serviteli caldi. Buon appetito!

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close